MENU CLOSE

showsearch
Non è Champagne se non è della Champagne
  • facebook
  • twitter
  • instagram
  • youtube
  • linkedin
  • wechat
  • rss

Sviluppo Sostenibile

Riduzione degli input e gestione del rischio sanitario e ambientale

Questo primo punto riguarda principalmente i prodotti destinati alla protezione delle piante.

Proteggere la vite

Il ricorso ai prodotti per la protezione della vite, siano essi di origine naturale o di sintesi, è una necessità tecnica ed economica. La posizione geografica settentrionale del vigneto champenois, come per altri grandi vigneti nel mondo, lo rende particolarmente sensibile a causa del clima che favorisce lo sviluppo di malattie e di parassiti.

Investire in ricerca e sviluppo

Da oltre 20 anni il settore ha fatto ingenti investimenti in ricerca e sviluppo in questo campo..

I prodotti sono oggi utilizzati in modo responsabile e con cautela nel contesto della viticoltura sostenibile o biologica. Indipendentemente dal sistema prescelto, i principi guida sono gli stessi:

  • rispetto degli equilibri naturali e della profilassi (cure colturali preventive);
  • valutazione dei rischi (monitoraggio meteo, consultazione delle avvertenze, monitoraggi per particelle, attenta valutazione delle soglie d'intervento);
  • scelta dei prodotti meno pericolosi per l'uomo e per l'ambiente (per esempio scelta di prodotti di origine esclusivamente naturale in viticoltura biologica);
  • controllo delle applicazioni e in particolare della qualità della polverizzazione.

Strumenti di supporto decisionale

Nello specifico, per aiutare i produttori nell’applicazione pratica di questi quattro principi guida, il settore ha messo a punto numerosi strumenti di supporto decisionale:

  • standard tecnici (viticoltura sostenibile, trattamenti aerei);
  • guide pratiche;
  • rete di stazioni meteo automatizzate;
  • modelli epidemiologici;
  • sistemi di allerta via fax o web;
  • rete di monitoraggio (Magister);
  • software per la scelta dei prodotti;
  • opuscoli informativi

In via precauzionale, quando il rischio per la qualità dell’acqua o dell’aria è giudicato significativo, l’interprofessione giunge a sconsigliare ai viticoltori l’uso di alcuni prodotti, sebbene autorizzati a livello francese ed europeo.

Consulenti sul territorio

Una trentina di consulenti sono mobilitati su questo obiettivo. Percorrono sistematicamente il vigneto ogni settimana, animano riunioni nei comuni, organizzano dimostrazioni e siti pilota, rispondono a richieste telefoniche per sensibilizzare, seguire e sostenere i viticoltori in questo percorso.

Un bilancio postitivo

L’implementazione di queste azioni ha senza dubbio portato i frutti desiderati.
La quantità di prodotti fitosanitari impiegati è diminuita del 50% in 15 anni e si è reso più sicuro il loro impiego, anticipando ampiamente l’accordo francese sull’ambiente (Grenelle). Il calo riguarda in modo particolare i prodotti più pericolosi e quelli per i quali sussiste unelevato rischio di trovare residui nell’ambiente. Oggi quasi il 50% della quantità di prodotto applicato in Champagne è ammesso in agricoltura biologica. La Champagne è anche una delle regioni leader in Europa per lo sviluppo della tecnica biologia della confusione sessuale che permette di sopprimere quasi totalmente i trattamenti classici con insetticidi (nel 2013 più di 13.200 ettari erano protetti con questo metodo, quasi il 40% della superficie della denominazione).

La viticoltura biologica ha visto crescere le superfici di 5 volte in 10 anni, tuttavia il suo peso resta ancora limitato (1% del vigneto).

  • L'obiettivo del comparto è ormai quello di ampliare i suoi sforzi e raccogliere la sfida fissata in Francia dall'accordo Grenelle sull'ambiente, riducendo possibilmente del 50% i prodotti fitosanitari entro il 2018.

  • La filiera auspica anche la riduzione degli input azotati e intende promuovere ulteriormente lo sviluppo in corso della viticoltura biologica.



Benvenuto
sul sito ufficiale dello Champagne

Per visitare il nostro sito, devi avere l'età richiesta per il consumo di alcolici secondo la legislazione in vigore nel tuo luogo di residenza. Se non esiste una legislazione in materia, devi avere un'età di almeno 21 anni.

Hai l'età legale richiesta?

L’abuso di alcol è pericoloso per la salute; consumare con moderazione.