Paysage de Champagne

Lo Champagne nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO

 Un patrimonio eccezionale - Un patrimonio eccezionale  Un patrimonio eccezionale - Un patrimonio eccezionale

Coteaux, Maisons e Caves de Champagne

Il riconoscimento di un patrimonio eccezionale

Il 4 luglio 2015, dopo ben otto anni di lavoro, avviene la consacrazione: Coteaux, Maisons e Caves de Champagne diventano Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO. I 21 rappresentanti degli Stati firmatari riconoscono all'unanimità l'Eccezionale Valore Universale, in occasione della 39a sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale, tenutasi a Bonn, in Germania. Nell'emiciclo, così come nelle strade delle città della Champagne, è un'esplosione di gioia. Si tratta di un momento storico per la regione, come per l'intera Francia. Porta con sé il riconoscimento di questo patrimonio unico su scala planetaria. 

"Non potete immaginare l'orgoglio e la gioia che si provano. È un premio collettivo per tutti i Vigneron. Questa iscrizione consacra la nostra denominazione e incide nella roccia delle tavole dell'UNESCO la nostra storia di Vigneron all'interno della grande famiglia Champagne"

Pascal Férat ex Presidente del Syndicat Général des Vignerons

"paesaggi culturali" unici

Coteaux, Maisons e Caves de Champagne: "paesaggi culturali" unici

Coteaux, Maisons e Caves de Champagne sono inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale nella categoria "Paesaggi culturali, evolutivi e viventi". Questa categoria, creata nel 1922, designa un'opera combinata dell’uomo e della natura. Va quindi oltre la semplice scala del monumento o del sito, e sottolinea il modo in cui un'attività umana può dare origine a nuovi paesaggi e a una cultura particolare. 

Coteaux, Maisons e Caves de Champagne sono quindi i paesaggi culturali che hanno dato vita al vino di Champagne. Questa iscrizione riconosce quindi anche tutto il lavoro di produzione, elaborazione e di diffusione del vino Champagne. Tre siti testimoni sono stati scelti a supporto della candidatura: i coteau storici di Mareuil-sur-Aÿ, la collina di Saint-Nicaise a Reims e l'Avenue de Champagne a Épernay. A questi siti si aggiungono 319 comuni della zona di produzione AOC Champagne.

Vignes en Champagne

"Grazie a questi uomini che hanno costruito un patrimonio unico con i suoi paesaggi agricoli, le sue cantine e le sue Maison. Uomini che hanno permesso la diffusione mondiale dello Champagne, simbolo di riconciliazione e di festa. Ci hanno lasciato un patrimonio eccezionale che oggi è riconosciuto."

Jean-Marie Barillère ex Presidente dell’Union des Maisons de Champagne

Ma cosa c'è di così speciale in queste Coteaux, Maisons e Caves di Champagne?

Un viaggio nel cuore di questo patrimonio unico ed eccezionale

Paysage de Champagne

Un patrimonio vivo e in evoluzione

L'iscrizione di Coteaux, Maisons e Caves de Champagne nella lista del patrimonio mondiale consacra tutte le terre, il clima, i paesaggi, le pratiche, il savoir-faire e tutto ciò che fa sì che lo Champagne, un vino unico e inimitabile, nasca solo nella Champagne. In questo senso, è molto più che il riconoscimento di una risorsa vitivinicola classica: mette in evidenza un'intera organizzazione territoriale e sociale della Champagne finalizzata alla produzione dei suoi vini eccezionali, che ha stravolto la storia della regione e non solo. Questo patrimonio è un patrimonio vivo, i cui contorni, le cui sfide e la cui storia continuano a essere scritte giorno dopo giorno, anno dopo anno. 

Scopri il sito

I coteau

Non si tratta infatti del classico paesaggio viticolo. Ciò che lo rende diverso è la sua storia: l'affermarsi, a partire dalla fine del XVIII secolo, di un metodo di produzione originale che ha plasmato il paesaggio e ha dato i natali allo Champagne. Questo vino famoso in tutto il mondo è un simbolo di festa e celebrazione.  

I vigneti - di cui i coteau storici sono la perfetta illustrazione - sono il punto di partenza per l'elaborazione dei vini di Champagne. I coteau di Cumières a Mareuil-sur-Aÿ sono la culla storica e simbolica dello Champagne, sulle rive della Marna, il fiume che attraversa l'omonimo dipartimento.

Questi coteau presentano anche caratteristiche specifiche dei vigneti della Champagne: l'onnipresenza del gesso, la disposizione e la configurazione dei villaggi, il terrazzamento ordinato nell'occupazione del suolo, e la monocoltura. Un magnifico scenario naturale, dove è bello camminare o andare in bicicletta, per godere del canto degli uccelli e delle magnifiche viste dall’alto dei coteau.  

"Rendere più belle le nostre regioni, gli ingressi delle nostre città e dei nostri villaggi, le nostre strade... resta importante e prioritario per valorizzare questo patrimonio unico. Lo valorizzazione e l'armonizzazione dei nostri siti e delle regioni dello Champagne ci permetteranno di brillare insieme in tutto il mondo."

Pierre-Emmanuel TAITTINGER Presidente dell'Association Viticole Champenoise nel 2015

Le Maison di Champagne

Le Maison di Champagne incarnano l'alleanza tra produzione e commercio, raggruppando gli strumenti di produzione e di rappresentanza attorno alle vie di comunicazione (strade, canali, ferrovie). Queste maestose dimore delizieranno gli amanti dell'architettura e del verde, essendo circondate da parchi e giardini assolutamente incantevoli. Sono anche punti di riferimento culturali, che offrono un altro modo di scoprire la Champagne attraverso numerose mostre d'arte.

Le cantine della Champagne

La particolare modalità di elaborazione dello Champagne, che prevede in particolare una seconda fermentazione in bottiglia, ha richiesto tutta un'organizzazione di attività e spazi. È stato necessario sviluppare una grande rete di cantine in cui ospitare le preziose bottiglie.

A tal fine, gli operatori della Champagne ha avuto la buona idea di riutilizzare le vecchie cave di gesso sotterranee. Tra di esse sono state create grandi reti di gallerie per conservare e far maturare i vini a diversi metri di profondità.  Se ne contano circa 370 in Champagne, che coprono 25 km sotto la collina di Saint-Nicaise a Reims. Ci sono 110 km di cantine anche sotto l'Avenue de Champagne a Épernay e quasi 10 km sotto i coteau storici. Si è tentato di misurare l'intera rete, ma si è dovuto rinunciare a causa dell’entità del compito!  

Entrando in queste cave di gesso, si è immediatamente colpiti dalla freschezza e dall'umidità, che forniscono le condizioni ideali durante tutto l'anno per i vini di Champagne, cioè circa 10-12°C, con una igrometria dal 90 al 100%. Si rimane inevitabilmente sopraffatti da questi monumenti maestosi e dalle dimensioni delle gallerie, dove le bottiglie sono immagazzinate a perdita d'occhio. 

Coteaux, Maisons, Caves de Champagne - Patrimoine mondial
Coteaux, Maisons e Caves de Champagne - Patrimonio dell'Umanità