MENU CLOSE

showsearch
Non è Champagne se non è della Champagne

Benvenuti

sul sito del Bureau du Champagne, Italia

Benvenuti

  • facebook
  • twitter
  • instagram
  • youtube
  • linkedin
  • wechat
  • rss

I Bureau du Champagne

Benvenuti sul sito del Bureau du Champagne, Italia

In Italia il Bureau du Champagne rappresenta il Comité Champagne con sede a Epernay in Francia.
Questo sito è rivolto a quanti, professionisti e appassionati, desiderano approfondire la conoscenza dello Champagne. Dalla storia della denominazione alla degustazione, dagli abbinamenti al terroir, queste pagine sono il punto di partenza per un viaggio alla scoperta di un mondo unico e affascinante.

facebook twitter instagram

Via Vittoria Colonna, 50
20149 Milano

Tel. (00 39 02) 4351 1671
Fax. (00 39 02) 43.99.34.08
info@champagne.it

Contatta questo Bureau

Notizie



Champagne: sei abbinamenti natalizi

Testi di Jessica Bordoni, giornalista e membro del Vivier du Champagne*

 

Se c’è un vino che più di tutti incarna lo spirito delle feste, è certamente lo Champagne. Che sia la celebrazione di un anniversario, una ricorrenza religiosa, istituzionale o sportiva, le bollicine più famose del mondo non possono mai mancare. Anche durante il cenone della vigilia e il pranzo di Natale lo Champagne si dimostra all’altezza di tutte le portate, dall’antipasto al panettone. La regola aurea dell’abbinamento? Ovviamente creare armonia tra cibo e vino, in un gioco di rimandi e corrispondenze gusto-olfattive che esaltano al tempo stesso il piatto e il calice. Ecco allora sei proposte di abbinamento pensando alle ricette simbolo delle feste di fine anno.

 

Panettone gastronomico

Chi ben comincia è a metà dell’opera, recita il proverbio. E il discorso vale anche per il menu natalizio. Tra i must in fatto di antipasti c’è sicuramente il panettone gastronomico, versione salata del celebre dolce, che viene tradizionalmente tagliato a fette orizzontali e farcito con salumi, pesce e crostacei, su una base di maionese. In pratica si formano tanti tramezzini – al salame, al prosciutto crudo e cotto, al salmone, ai gamberetti, al caviale – da mangiare uno dopo l’altro “smontando” il panettone dalla cupola in giù. La varietà degli ingredienti della farcitura, tutti con una buona componente di grassezza, struttura e intensità gusto-olfattiva, richiede uno Champagne scattante e dinamico, dal perlage fine e persistente, con un frutto croccante e agrumato. Proprio quel che offre una cuvée a prevalenza di Meunier, con aggiunta di Chardonnay e Pinot Noir: il primo dà una certa generosità aromatica, il secondo la carica acida il e terzo il corpo. Per il dosaggio, si può scegliere un Extra Brut o anche un Dosage Zéro.

 

Cappelletti in brodo

In Emilia Romagna (ma non solo) non c’è cena della vigilia o pranzo di Natale senza i tradizionali cappelletti in brodo, meglio se preparati a mano. Il ripieno di carne, così come il brodo e l’abbondante dose di formaggio grattugiato da spolverare sopra danno al piatto sensazioni di grassezza, succulenza e sapidità. Il consiglio è quello di abbinare uno Champagne Blanc de Noirs. Qui il Pinot Noir si rivela in tutta la sua struttura e suadenza, con richiami fruttati e di sottobosco seguiti da una speziatura dolce. Affidatevi a una versione millesimata (restando però su millesimo relativamente recente). Il dosaggio Brut è indubbiamente il più adatto.

 

Lasagne alla bolognese

Un altro grande classico sono le lasagne alla bolognese, vera e propria ricetta portabandiera dell’Italia gastronomica nel mondo. In questo caso i protagonisti del piatto sono le sfoglie di pasta all’uovo, la besciamella e il ragù di carne. Tra gli elementi da considerare c’è quindi la ricchezza gustativa, ma anche la nota croccante, data dal passaggio in forno. Per accompagnare il tutto scegliete uno Champagne Rosé a base di Pinot Noir e Chardonnay, che unisce vivacità rinfrescante e concentrazione, pulizia e profondità, con un corredo fruttato sempre in primo piano accompagnato da un ritorno speziato. Il dosaggio più adatto? Brut intorno agli 8-9 g/l.

 

Capitone al forno

Tra le portate simbolo del Natale c’è anche il capitone, ovvero la femmina di anguilla, che rispetto al maschio ha dimensioni maggiori e carni più tenere e pregiate. Ci sono molti modi per prepararlo: in umido, fritto, al forno. In quest’ultimo caso, il pesce viene pulito, tagliato a pezzi e marinato con olio, succo di limone, aglio, sale, pepe e alloro prima di essere infornato. Il pesce in sé ha una carne piuttosto grassa, mentre la marinatura apporta una tendenza acida e sapida oltre a un’interessante aromaticità. Nel calice c’è bisogno di una bollicina importante, sfaccettata, con una spinta minerale. In pratica la carta di identità di un grande Blanc de Blancs millesimato, meglio se con un po’ di anni sulle spalle. La maturità arricchisce la beva con note di tostatura, piccola pasticceria, frutta secca e miele, che si accordano con la sapidità rinfrescante tipica del vitigno.

 

Cappone ripieno

Se il capitone viene cucinato soprattutto al sud, sulle tavole imbandite del centronord si gusta il cappone con le patate al forno. Con questo termine si intende il pollo maschio castrato, dalle carni particolarmente tenere e saporite. La versione ripiena è di norma farcita con carne, prosciutto, formaggio ma anche uova e frutta secca. Serve quindi uno Champagne di grande stoffa, denso e “polposo”, capace di tenere a bada la complessità gustativa della portata. Si può stappare uno Champagne a prevalenza Pinot Noir ed è preferibile indirizzarsi su una cuvée che includa una buona percentuale di vini di Riserva (sopra il 30%), che conferiscono ampiezza, spessore e maturità.

 

Panettone classico

Dulcis in fundo, è proprio il caso di dire, arriva il panettone. La ricetta classica di questo antico lievitato prevede l’aggiunta dell’uvetta e dei canditi misti, come arancia e cedro, nell’impasto. Si può servire da solo oppure accompagnando la fetta con una crema al mascarpone. Non serve dire che la caratteristica principale della portata è sicuramente la tendenza dolce, unita a una certa intensità gusto-olfattiva. È l’occasione giusta per degustare lo Champagne nella sua versione Demi-Sec, con un residuo zuccherino importante, che va dai 32 ai 50 grammi per litro. Dolce sì, ma certamente non stucchevole, anche grazie all’innata freschezza che lo Champagne ha nel suo Dna.

 

*Il Vivier du Champagne è un progetto lanciato dal Bureau du Champagne Italia nel 2016 e ha l’obiettivo di coinvolgere ogni anno un piccolo gruppo di giovani talentuosi tra giornalisti e blogger italiani all’interno di un percorso di formazione sulla denominazione Champagne. Questa iniziativa, come tutte le azioni del Comité e dei suoi uffici, è ispirata alla più rigorosa neutralità rispetto ai produttori e ha come filo conduttore il tema della denominazione nel suo insieme, la sua storia e la sua unicità. Il Bureau con questo progetto desidera supportare lo sviluppo della conoscenza sulla denominazione presso i giornalisti più giovani perché abbiano la possibilità di creare competenze specifiche che possano consentire loro di accreditarsi nel tempo quali voci competenti nelle rispettive aree di specializzazione.

 

Il Comité Champagne ha sede a Epernay e riunisce tutti i viticoltori e tutte le Maison di Champagne. L’organizzazione interprofessionale rappresenta uno strumento di sviluppo economico, tecnico e ambientale. Il Comité Champagne mette le due professioni in relazione tra loro e conduce una politica di qualità costante e di valorizzazione del patrimonio comune della denominazione.

 

Risorse online:

Champagne MOOC: www.champagne-mooc.com

Fototeca Champagne: www.phototheque.champagne.fr/index_fr.php

Facebook: www.facebook.com/champagneofficialpage/

Instagram: https://www.instagram.com/champagne_officiel/

Web: www.champagne.it

 

 

Per ulteriori informazioni: Bureau du Champagne in Italia - Tel. 02 4399 5767- info@champagne.it

 

 




Benvenuto
sul sito ufficiale dello Champagne

Per visitare il nostro sito, devi avere l'età richiesta per il consumo di alcolici secondo la legislazione in vigore nel tuo luogo di residenza. Se non esiste una legislazione in materia, devi avere un'età di almeno 21 anni.

Hai l'età legale richiesta?

L’abuso di alcol è pericoloso per la salute; consumare con moderazione.



Proseguendo la navigazione su questo sito, accettate l’utilizzo dei cookies al fine di agevolare la vostra navigazione e a scopi statistici - Per saperne di più