X

Benvenuti nel sito ufficiale di Champagne

Visitando questo sito, certifico di avere l’età legale per bere bevande alcoliche nel mio paese di residenza

MENU CLOSE

showsearch
Non è Champagne se non è della Champagne
  • facebook
  • twitter
  • instagram
  • youtube
  • wechat
  • rss

Scoprire e apprezzare

Scegliere lo Champagne

>

Lo Champagne è il solo a proporsi in un gran numero di formati diversi, dal più pratico al più festaiolo.

Bottiglie da 20 cl a 30 litri...

La “bouteille” da 75 cl è il formato più classico dello Champagne. È frequente anche il magnum (1,5 l) in modo particolare nei momenti di festa. Ma gli champenois propongono formati giganteschi, molto rari e riservati a momenti eccezionali.

Les différents formats de bouteilles de Champagne 

Le grandi dimensioni di alcune bottiglie sono da sogno, ecco a titolo d’esempio le misure e il peso di alcune di esse: 

  • Il salomon equivale a 24 bottiglie. Contiene 18 litri, pesa 43 kg e misura 85 x 26 cm.
  • Il primat equivale a 36 bottiglie. Contiene 27 litri, pesa 65 kg e misura 100 x 26 cm.

L’origine biblica dei nomi

  • Il jéroboam deve il proprio nome a due re d’Israele, di cui il primo è considerato il fondatore del regno.

  • Il mathusalem mutua evidentemente il nome dal celebre patriarca, del quale la Genesi narra che raggiunse l’età di 969 anni e fu avo di Noè, l’uomo che sopravvisse al Diluvio e che meriterebbe di dar nome a un formato di bottiglia, poiché gli si attribuisce l’impianto delle prime vigne.

  • Il salmanasar ha cinque padrini, ossia i cinque re assiri che portarono questo nome. Il più celebre fu Salmanazar III (858-824 a.C.), che non riuscì a sconfiggere i re aramei, ma che si guadagnò la reputazione di grande edificatore.

  • Il balthazar pone il problema dell’incerta attribuzione delle origini. In generale, si ritiene che il nome sia quello di Baldassarre, uno dei re magi che vennero ad adorare Gesù alla nascita, ma si tratta di un’imprecisione, perché nella Bibbia i magi sono del tutto anonimi. I loro nomi sono stati infatti tramandati da tradizioni popolari, che risalgono a molti secoli dopo la compilazione dei Sacri Testi. Un Balthazar citato dalla Bibbia è invece l’ultimo re di Babilonia (539 a.C.), che fu vinto da Ciro, re dei Persiani, mentre trascorreva le sue notti da assediato in proverbiali festini, ricordati per la loro sontuosità.

  • Il nabuchodonosor deve chiaramente il proprio nome a Nabucodonosor II, detto Dzil Grandedz, re di Caldea dal 605 al 562 a.C., che fece di Babilonia la metropoli del mondo occidentale e si impadronì di Gerusalemme, da cui esiliò la popolazione. Queste vicende ispirarono a Verdi il Nabucco, che esordì nel 1842.

L’ARTE DEL SERVIZIO

Scegliere il bicchiere

L’ARTE DEL SERVIZIO

Aprire una bottiglia

  • porttorrent.com