MENU CLOSE

showsearch
Non è Champagne se non è della Champagne

Benvenuti

sul sito del Bureau du Champagne, Italia

Benvenuti

  • facebook
  • twitter
  • instagram
  • youtube
  • linkedin
  • wechat
  • rss

I Bureau du Champagne

Benvenuti sul sito del Bureau du Champagne, Italia

In Italia il Bureau du Champagne rappresenta il Comité Champagne con sede a Epernay in Francia.
Questo sito è rivolto a quanti, professionisti e appassionati, desiderano approfondire la conoscenza dello Champagne. Dalla storia della denominazione alla degustazione, dagli abbinamenti al terroir, queste pagine sono il punto di partenza per un viaggio alla scoperta di un mondo unico e affascinante.

facebook twitter

Via Vittoria Colonna, 50
20149 Milano

Tel. (00 39 02) 4351 1671
Fax. (00 39 02) 43.99.34.08
info@champagne.it

Contatta questo Bureau

Notizie



LO CHAMPAGNE ABBRACCIA L’ARTE IN “I COLORI DELLO CHAMPAGNE”: 15 OPERE PER SCOPRIRE LE SIMILITUDINI TRA DUE MONDI SOLO APPARENTEMENTE LONTANI

Milano, 11 dicembre 2019 – Un viaggio nel modo dei colori, per scoprire attraverso 15 grandi opere la naturale attrazione tra lo Champagne e il linguaggio dell’arte: è questa l’idea de “I Colori dello Champagne”, un nuovo episodio del percorso proposto dal Bureau du Champagne in Italia per rivelare le sensazioni evocate dallo Champagne attraverso i cinque sensi. Dopo olfatto, udito e tatto, quest’anno è stata la volta della vista, con una degustazione–laboratorio destinato alla stampa e condotto da Pietro Palma, Ambasciatore dello Champagne per l’Italia 2018, e Arianna Piazza, storica dell’arte e formatrice.

 

La vetrata di Marc Chagall all’interno della Cattedrale di Reims e la Madonna Litta di Leonardo Da Vinci, la Dama del Pollaiolo e le stampe pubblicitarie ideate da Pierre Bonnard e René Gruau: sono solo alcune delle opere scelte per raccontare come due mondi apparentemente distanti siano invece molto vicini. Una prima similitudine è quella che lega Chef de cave e artista, figure capaci di dare vita con il loro talento ad autentici capolavori al termine di complesse fasi di elaborazione, rese possibili da un sapiente gioco di squadra. Inoltre, non mancano le parole comuni tra la disciplina enologica e quella artistica, basti pensare a termini come “assemblaggio”, “tessitura”, “sfumatura” o “saturazione”.

 

La vista è il primo senso coinvolto quando si degusta uno Champagne e il colore è in grado di svelare alcune caratteristiche della cuvée servita nel bicchiere: una tonalità gialla con riflessi verdi indica una prevalenza di Chardonnay, mentre leggeri riflessi rossi denotano una predominanza di vitigni a bacca nera come Pinot Noir e Meunier. Nel tempo anche i colori del vino evolvono, assumendo toni giallo dorati, ramati o ambrati. Le varianti di sfumature sono ancora maggiori nei rosé: rosa pallido o intenso, passando attraverso tonalità più o meno decise a seconda dell’assemblaggio. Con l’invecchiamento, gli Champagne rosé prendono sfumature aranciate più scure.

 

“Nel corso dei secoli lo Champagne ha rappresentato una fonte inesauribile di ispirazione per l’immaginario degli artisti di tutto il mondo, ha dichiarato Thibaut Le Mailloux, Direttore del Comité Champagne. Anche per questo motivo abbiamo scelto l’arte come ideale abbinamento per esplorare le emozioni a livello visivo che lo Champagne sa regalare. Alcune delle opere descritte oggi sono custodite nella nostra regione, meta enoturistica sempre più apprezzata anche dagli italiani, soprattutto dopo che nel 2015 i Coteaux, Maisons et Caves della Champagne sono stati iscritti nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO”.

 

“I colori dello Champagne” è la quarta tappa del percorso alla scoperta delle sensazioni che può regalare lo Champagne attraverso i cinque sensi. Il cammino è partito nel 2016, con un laboratorio dedicato all’olfatto e una degustazione accompagnata da un allestimento che riuniva tutti i 52 elementi che costituiscono la tavola dell’evoluzione degli aromi dello Champagne: dalla crosta di pane ai frutti di bosco, dal cioccolato al miele fino al tabacco. Il secondo episodio, che si è svolto nel 2017, aveva invece portato l’attenzione sull’udito, con un gioco basato sugli abbinamenti musicali. In quell’occasione era stato un pianoforte a evocare, attraverso le sue note, le immagini uditive di ogni cuvée pescando tra gli stili più diversi: da Satie a Couperin, da Schubert a Ravel. L’anno scorso era stata invece la volta del tatto, per una degustazione pensata per esplorare attraverso un gioco ciò che accomuna lo Champagne e il mondo dei tessuti e della moda.




Benvenuto
sul sito ufficiale dello Champagne

Per visitare il nostro sito, devi avere l'età richiesta per il consumo di alcolici secondo la legislazione in vigore nel tuo luogo di residenza. Se non esiste una legislazione in materia, devi avere un'età di almeno 21 anni.

Hai l'età legale richiesta?

L’abuso di alcol è pericoloso per la salute; consumare con moderazione.



Proseguendo la navigazione su questo sito, accettate l’utilizzo dei cookies al fine di agevolare la vostra navigazione e a scopi statistici - Per saperne di più